Spedizioni Gratuite - a partire da €69|web@seu-roma.com

La valutazione dei rischi lavorativi

21.00 17.85

Solido manuale, che analizza le criticità e dà le indicazioni operative su un tema di assoluta attualità – la valutazione dei rischi lavorativi. Si tratta di un prodotto originale del Gruppo “Prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro” della Società Italiana di Igiene, Gruppo che ha impostato l’opera nel 2011 e l’ha portata a termine nel 2012, affermando così il ruolo dei cultori della nostra disciplina nell’ambito delle attività di Igiene del Lavoro.

AUTORI

  • Maria Triassi
  • Annalaura Carducci

Categoria:

Descrizione

Dopo circa quattro anni dall’entrata in vigore del nuovo Testo Unico Sicurezza (D.Lgs. 81/08 successive modifi che integrazioni) il Gruppo di Lavoro SItI “Prevenzione e Sicurezza sui luoghi di lavoro” coordinato dalla scrivente, ha elaborato il presente volume con l’obiettivo di fornire un supporto operativo ai tecnici coinvolti nel processo di valutazione dei rischi e nella successiva redazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Il volume, che si presenta come un manuale operativo da utilizzare sul campo, si rivolge sia ai professionisti direttamente coinvolti nel processo, sia a coloro che per la prima volta si avvicinano a tale tematica. L’articolazione del testo e gli argomenti sviluppati in ciascun capitolo mettono in evidenza l’importanza e l’attualità dei temi trattati, elaborati mediante una strategica collaborazione tra il mondo dei docenti universitari e i tecnici esperti di settore. Tale metodologia di lavoro ha consentito di affrontare numerose e specifiche problematiche che ancora oggi caratterizzano il processo di valutazione del rischio e che rivestono un ruolo importante al fine di garantire la redazione del DVR completa ed adeguata. Sebbene, infatti, la redazione del DVR sia un obbligo del Datore di Lavoro non può essere considerata solo come tale, bensì come un processo dinamico che consente alle aziende e alle organizzazioni di mettere a punto una politica proattiva di gestione del rischio sul lavoro.

Per la stesura del testo interessante ed utile è stato il lavoro di coordinamento svolto dalla Prof.ssa Annalaura Carducci e dalla Dott.ssa Emma Montella necessario ad omogeneizzare e rendere uniforme un lavoro caratterizzato da una spiccata connotazione multidisciplinare e plurispecialistica. Il volume affronta temi generali quali le metodologie di valutazione dei rischi identifi cati dal Decreto Legislativo 81/08, temi specifici quali l’applicazione di modelli logaritmici per la valutazione del rischio e aspetti innovativi e fondamentali come la comunicazione dei rischi, la valutazione dei rischi in ottica di genere, l’infl uenza degli stili di vita sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori, la formazione specifica necessaria per le figure coinvolte nella prevenzione dei rischi in ambienti di lavoro.
Ciascuno di questi aspetti è stato trattato mettendo in evidenza le criticità che possono emergere nel processo di valutazione e le possibili azioni migliorative o preventive, utilizzando anche metodologie esplicative sintetiche e schematiche quali le check-list operative.
Il volume è, infine, arricchito da due esempi applicativi per la valutazione dei rischi di natura biologica e di natura chimica: la tubercolosi nelle strutture sanitarie ed il comparto rifiuti per i primi, la produzione e l’uso di nanomateriali per i secondi.

Con questa pubblicazione scientifica la SItI si posiziona ancora una volta in prima linea nell’ambito dell’Igiene, Sicurezza e Prevenzione nei luoghi di lavoro configurando la necessità della valorizzazione del ruolo e del contributo degli Specialisti in Igiene e MedicinaPreventiva nel processo di valutazione dei rischi e nella gestione della sicurezza e della sorveglianza sanitaria dei lavoratori, in uno scenario nel quale la prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro richiede sempre più un approccio multispecialistico, multiprofessionale ed integrato, evitando il rischio di trasformare la gestione della sicurezza in un sistema burocratizzato e frammentario di norme da rispettare formalmente. Il contributo in tal senso della Società Italiana di Igiene è quanto mai importante in un momento in cui le iniziative di spending review e di contenimento della spesa nei Sistemi Sanitari Regionali rischiano di penalizzare fortemente la Prevenzione già molto al di sotto del 5% del bilancio di tutte le Regioni, con conseguenze importanti e certamente non positive sulla salute delle future generazioni del nostro Paese.


Prof.ssa Maria Triassi

Informazioni aggiuntive

ISBN

978-88-6515-092-4

Pubblicato

Marzo 2013

Formato

Brossura

Pagine

257

Interno

B/N

Lingua

Italiano

Autori

Maria Triassi
Prof. Ordinario di Igiene
Dipartimento di Scienze Mediche Preventive
Università degli Studi di Napoli Federico II

Annalaura Carducci
Professore associato di Igiene Generale e Applicata
Dipartimento di Biologia Università di Pisa

Risorse